29 mag 2009

Passepartout



Attraverso la foce dei piani bassi
Intravedo le sradicate falangi
Groviglio spezzato Scremata solitudine
Grondante incrocio a pesarmi sui tagli
Dissodo i nervi
E nella tronca realtà attingo a cardiache falene
Di un preludio scomporsi
Scrollo i verbi di succinta esitazione
Morso lavico
Segno il costato
Tra le corolle di lingua di una fiele condensa
A gremire il Fato di beffarda strage


7 commenti:

  1. E lo sei ancora, no?:)
    Ricordo i miei sedici anni. Avevo mucchi di libri e guardavo fuori dalla finestra. Non è cambiato molto. Più o meno come adesso...

    RispondiElimina
  2. Un pugno di cenere sei. Evapori lentamente e nascondi insidie negli strati più profondi. Sei innocentemente torbida. Ti leggo da un pò, anche se non assiduamente, ma con grande piacere. Daniele.

    RispondiElimina
  3. Ero incazzatissima, a 16 anni.
    E sognavo di sposare Kurt Cobain.

    RispondiElimina
  4. Io a 16 anni ero fidanzata con Edward mani di forbice..poi te la spiego.Incredibile.Eri già così bella a 16 anni.. ( hati)

    RispondiElimina
  5. ciao! ha aperto i battenti il nuovo portale di cinema direttamente dagli studios di Cinecittà. News, recensioni, anteprime, foto, video e tanto altro ancora; e se vuoi collaborare con noi scrivendo recensioni scrivici @ dnacinema@yahoo.it http://dnacinema.blogspot.com/ P.S. Complimenti per il blog, ottimo lavoro! (saresti daccordo per un'affiliazione? ci terrei particolarmente...) A presto!

    RispondiElimina
  6. La foto è stupnda e il post non è da meno

    Clelia

    RispondiElimina