05 mar 2009

My Favourite Game



Era arrivato il tempo di lasciare spazio a chi diceva che di spazio e tempo non ne avevo lasciato mai. La piega presa non era delle migliori, rammentai a me stessa. Sibilavo in continuazione quell’incomprensibile variabile insignificante di cui mi facevo ambasciatrice. Un codice morse decifrabile solo con gli occhi. Ricordo che in quell’istante esatto, per qualche strana ragione rimasi come sospesa. Un alto pericolo d’attrazione sembrava trascinarmi sotto. Il cuore cominciò a rullare, qualcosa s’era messo in moto, facendo roteare le turbine e caricare le correnti ascensionali degli starter preposti appositamente a soddisfare i comandi impartiti dentro la mia cassa toracica, scolpendo nell’aria le tonalità di un abbandono. Intanto una parte di me era come immobile, decisa a non muovere un solo passo e arrampicarsi con la sola forza del pensiero per non precipitare a coordinate a terra sul nero asfalto della mia immaginazione. Solo un suono cominciò a serpeggiare alle mie spalle. Un alternarsi di dune impercettibili da farne mucchietto e stendere come fosse reticolato... il suono di un luogo dal contorno umano, un rumore senza peso specifico prima del silenzio e poi… aggrappato a un principio di verità e una fragilità che avrei perso l’indomani insieme a quel tremolante brusio negli occhi. Lasciai andare le lacrime. Ma io rimasi.


9 commenti:

  1. e tu, infatti, sai come rimanere.

    RispondiElimina
  2. :) Bacio grande grande, Bianca..

    RispondiElimina
  3. Come uno stop, dopo il secondo ritornello, e poi parte l'assolo. Il cuore a volte batte in 4/4.

    RispondiElimina
  4. Credo di avere un talento naturale per gli assoli.. ovviamente, è un parere del tutto personale :)

    RispondiElimina
  5. "You'll lose your mind and play", ci sono giochi peggiori, Emily... :)

    RispondiElimina
  6. ..and See Emily Play (è il mio brano in assoluto preferito).. e come diceva il mio amato Syd.. Io creo e ricreo al limite del "No sense" :)

    RispondiElimina
  7. Siamo in due, allora. Barrett entra ed esce continuamente dalla mia playlist 'esistenziale', ormai da tanto di quel tempo che il suo "No sense" psichedelico mi sembra, a volte, molto più logico di tanta Realtà oggettiva.
    "Cause we're the fishes and all we do, the move about is all we do", x dirla alla sua maniera, no? :)

    RispondiElimina
  8. Complimenti per il blog, sia per le immagini che per i contenuti.

    RispondiElimina
  9. Per Dekker: Mi sa che in tanti, forse troppi, non capirono Syd.. manca, eccome se manca.. quando il mio Oblivion si fa più vicino a volte, Syd appare magicamente.. "Little minute gong coughs and clears his throat" ..attendo il gong che schiarisca la mia voce per ritornare a parlare del mio "No Sense" :)

    RispondiElimina